Exoskeleton Suits: uomo e macchina diventano un unicum in Ford

Ford è la prima casa automobilistica a introdurre exoskeleton suits per i lavoratori impegnati sulle linee di produzione dello stabilimento di Valencia, in Spagna, al fine di agevolare il sollevamento di pesi

Pubblicato il 7 febbraio 2018

Le componenti robotiche indossabili offrono agli utenti la possibilità di sollevare e manovrare più facilmente oggetti pesanti. E ora, per la prima volta, sono stati integrati in una catena di montaggio di veicoli in movimento. Gli exoskeleton suits, che ricordano il celebre alterego di Tony Stark, ovvero il super eroe Iron Man, forniscono supporto per la zona delle spalle e della schiena di coloro che li indossano, scaricando il peso sui fianchi, e riducendo così il verificarsi di infortuni sul lavoro.
“Lavorare sulle linee di produzione richiede conoscenze, abilità e può essere fisicamente molto impegnativo. Gli exoskeleton suits potrebbero sembrare qualcosa di fantascientifico, invero aiutano a ridurre lo stress dei nostri dipendenti e a rendere più semplici le attività fisicamente più pesanti” ha affermato Dale Wishnousky, vice president Manufacturing di Ford Europa.

Entro il 2020, il 25% dei cittadini europei avrà più di 60 anni e si prevede che i lavoratori più anziani e quelli con problemi di mobilità o disturbi muscoloscheletrici saranno tra quelli che potranno beneficiare dell’uso di tute esoscheletriche. In tutta Europa, infatti, i disturbi muscoloscheletrici rappresentano il 61% di tutte le malattie professionali.
Gli exoskeleton suits sono stati sperimentati presso diversi impianti di Ford, ma, per ora, lo stabilimento di Valencia, in Spagna, sede produttiva di Kuga, Mondeo, S-MAX, Galaxy e Transit Connect, è il primo a integrare completamente questa tecnologia nel suo processo di produzione.

Le nove tute al momento in uso sono realizzate in titanio ultraleggero e in fibra di carbonio e aiutano i lavoratori delle linee di produzione a sollevare, spostare o trasportare gli oggetti di peso superiore ai 3 kg, in particolare nel caso di posizioni scomode. Le tute offrono protezione e sostegno contro l’affaticamento e le lesioni, riducendo lo stress e la fatica dovuta alle attività ripetitive che possono incidere sul corpo nel tempo.

Durante la fase di sviluppo degli exoskeleton suits, i responsabili delle linee di produzione hanno chiesto a circa 200 lavoratori dello stabilimento di esprimere un’opinione sull’uso di componenti robotiche per migliorare le condizioni di lavoro. In un secondo momento, sono stati scelti 100 dipendenti per il test effettivo, tra coloro che più di altri possono trarre beneficio dall’uso di questa tecnologia e che hanno lavorato a stretto contatto con i progettisti. Il programma ha avuto un tale successo che altri 20 dipendenti inizieranno a testare l’attrezzatura, a partire dal prossimo aprile.
Per Ford, questo progetto si inquadra nell’ambito delle ricerche sull’Industria 4.0, la quarta rivoluzione industriale, un nuovo approccio produttivo che abbraccia le tecnologie di automazione e di impiego dei big data.

A oggi, gli esperti di ergonomia di Ford in Nord America hanno lavorato su oltre 100 nuovi veicoli globali tra cui Edge, Mustang e F-150, utilizzando una gamma di tecnologie di produzione ergonomiche. Ford, in questo modo, non solo ha ottenuto una riduzione del tasso di incidenti tra i dipendenti, ma ha visto una diminuzione del 90% delle problematiche legate all’ergonomia, dovute a movimenti eccessivi dei dipendenti o alle attività su componenti difficili da installare.



Contenuti correlati

  • ABB e The Economist lanciano l’Automation Readiness Index

    Secondo un indice e un rapporto pubblicato oggi da ABB insieme a The Economist Intelligence Unit, Corea del Sud, Germania e Singapore sono le nazioni che si sono classificate ai primi posti a livello mondiale nella preparare...

  • Industry 4.0 in totale sicurezza

    Il vasto catalogo di prodotti Sick questo permette all’azienda di rispondere con esattezza a qualsiasi esigenza di automazione industriale. In occasione di A&T 2018 verranno presentate le ultime soluzioni dedicate, in particolare, ai settori dell’automotive e della...

  • Venticinque anni di sicurezza

    Un quarto di secolo, venticinque anni di Pilz in Italia. È questo l’importante traguardo che la filiale italiana di Pilz, multinazionale tedesca che opera a livello mondiale nel campo della sicurezza legata all’automazione industriale, ha celebrato il...

  • Microsoft e Vodafone insieme per la sicurezza delle piccole e medie imprese italiane

    Microsoft e Vodafone collaboreranno per offrire alle imprese italiane Microsoft 365 Business, la soluzione di modern workplace, pensata per le piccole e medie imprese, che integra le tecnologie di Office 365 e Windows 10, con soluzioni avanzate...

  • Soluzioni in bundle per la digital transformation

    Da aprile DominoDisplay.com, e-shop di soluzioni multimediali per la comunicazione visiva della società Domino Sistemi, ha messo online una nuova sezione interamente dedicata a device mobili come tablet, smartphone, wearable e visori per la realtà virtuale. Tecnologie...

  • Simulazione ottica per veicoli autonomi, Ansys acquisisce Optis

    Ansys ha siglato un accordo definitivo per acquisire Optis, fornitore di software per simulazioni scientifiche di luce, visione umana e visualizzazione basata sulla fisica. L’acquisizione di Optis amplierà il portfolio di prodotti multiphysics di Ansys nel sempre...

  • La nuova app di ABB porta la sicurezza nell’era digitale

    Sin da quando è stata introdotta in ABB nel 2014, la soluzione SafetyAPP ha permesso di segnalare circa 50.000 situazioni di pericolo e ha ridotto del 50% il numero di infortuni gravi in Europa. Mentre le procedure...

  • Kia Motors raggiunge tassi di lettura del 99% con i lettori Cognex

    Cognex ha fornito a Kia Motors la propria soluzione DataMan per raggiungere il target di lettura richiesto dei codici DPM (Direkt Part Mark) allo spostamento delle linee di produzione di componenti dei motori. La coreana Kia Motors...

  • Barriere fotoelettriche di sicurezza Allen-Bradley da RS Components

    RS Components ha annunciato la disponibilità del nuovo sistema di barriere fotoelettriche di sicurezza GuardShield POC 450L Allen-Bradley di Rockwell Automation. La nuova serie di barriere fotoelettriche è adatta per costruttori di macchine, tecnici della manutenzione e...

  • Produzione flessibile grazie all’automazione targata Omron

    Omron partecipa alla Fiera di Hannover, che si terrà dal 23 al 27 aprile, avente come tema la “connessione e la collaborazione”, mostrando la sua capacità di apportare innovazioni nel futuro della produzione. I visitatori dello stand...

Scopri le novità scelte per te x