Era digitale: l’industria italiana torna competitiva ma è ancora zoppa

Pubblicato il 13 luglio 2016

L’Italia, dal 2015, ha ripreso a investire in Ict e continuerà a farlo nel prossimo triennio. Questo è un dato che indica solo l’inizio di un percorso e le previsioni di crescita fino al 2018 confermano. In realtà il passo con cui si sta affermando l’innovazione digitale in Italia è ancora troppo lento, avviene in modo troppo disomogeneo e con un’ottica ancora distante dal concepire quella trasformazione in grado di incidere profondamente sulla realtà del Paese, cambiare gli equilibri competitivi, accelerare la crescita. E’ questo il quadro che emerge dallo studio “Il digitale in Italia nel 2016” presentato a Milano nel corso della manifestazione “Impresa 4.0. Per un’industria italiana più competitiva nell’era digitale”.

All’incontro hanno preso parte Vincenzo Boccia, Giancarlo Capitani, Elio Catania, Antonello Giacomelli, Gaetano Manfredi, Alessandro Perego, Enrico Pagliarini, Andrea Pontremoli, Antonio Samaritani, Agostino Santoni. I dati dello studio “Il digitale in Italia nel 2016” realizzato da Assinform e Confindustria Digitale in collaborazione con NetConsulting cube e gli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, evidenziano i segnali di un’inversione di tendenza.

Le previsioni per il mercato complessivo Ict in Italia, a costanza di scenari macroeconomici, lasciano intravedere una crescita dell’1,5% nel 2016, dell’1,7% nel 2017, e del 2,0% nel 2018. E sia per il contributo dei segmenti più avanzati, sia per la ripresa degli investimenti in quasi tutti i settori d’utenza, spinti soprattutto dalle grandi imprese +2,8% nel 2016 sul 2015, con in testa l’industria (+2,1%), le banche (3%), le assicurazioni (+3,7%), le utility (+3,6%), i trasporti (+3,4%). Le piccole imprese con +0,6% stimato nel 2016, risultano ancora poco coinvolte dalla trasformazione digitale. E in parte anche la Pa che, sempre nel 2016, confermerà la ripresa della spesa a livello centrale (+1,6%) e nella Sanità (+3%), ma non a livello locale (-2,0%).

“I tassi di incremento a due cifre degli investimenti nelle tecnologie abilitanti, quali Cloud, Iot, piattaforme per la gestione web, Big Data, mobile business, sicurezza – ha precisato Agostino Santoni, presidente di Assinformse contestualizzati nell’ambito dei servizi digitali, informatici e del software, che in volume rappresentano la parte più consistente del mercato, ma crescono a una cifra, evidenziano che è in atto un vivace e robusto fenomeno di infrastrutturazione innovativa, che tuttavia riguarda ancora una frazione troppo limitata del Paese. Soprattutto le piccole e medie imprese, che costituiscono il 99% del nostro tessuto produttivo e contribuiscono a più del 50% del Pil, così come gran parte della Pa, continuano a rimanere ai margini dell’evoluzione digitale”.
“Abbiamo voluto chiamare la convention “Impresa 4.0” – ha continuato Santoniper indicare che la cultura del digitale, ovvero della trasformazione competitiva delle organizzazioni, delle filiere, dei processi, del modo di lavorare e fare business, può e deve diventare patrimonio comune di tutte le imprese e amministrazioni pubbliche. Secondo noi è il momento di spingere con determinazione in questa direzione, rafforzando tutti i segnali positivi che vengono dal territorio, sfruttando al meglio i trend incoraggianti che arrivano dagli ambiti tecnologici più avanzati, attuando in modo deciso i piani pubblici e privati, mettendo in campo ogni risorsa per far esprimere al nostro sistema produttivo e dei servizi tutto il suo grande potenziale creativo. La presenza del neo presidente di Confindustria Vincenzo Boccia oggi testimonia che le imprese italiane hanno voglia di cambiare passo e noi siamo direttamente impegnati a sostenerle nei nuovi percorsi d’innovazione”.



Contenuti correlati

  • I servizi che ‘piovono’ dal cloud – Parte I

    Alimentati dalla quantità di dati raccolti grazie alle tecnologie IIoT (Industrial Internet of Things), sono moltissimi i servizi che le aziende possono sfruttare per ottimizzare internamente prodotto, processo e innovazione ed evolvere il rapporto con clienti e...

  • Acquisizione e integrazione dei dati in ottica 4.0

    I dati sono fondamentali per l’efficienza produttiva, ma vanno gestiti. Il cloud offre non solo capacità di calcolo e di virtualizzazione aggiuntive, ma anche un’ampia offerta di app e servizi integrabili nei sistemi locali Leggi l’articolo

  • Le aziende che fanno più pubblicità dell’anno scorso risparmiano (parecchio) sulle tasse

    Buone notizie per le aziende che investono in pubblicità. In particolare per quelle che hanno intenzione di puntare su questa forma di comunicazione in misura maggiore rispetto a quanto fatto lo scorso anno. Per loro sono previsti interessanti...

  • Integrazione dei dati per applicazioni IoT e Industria 4.0

    È disponibile la nuova versione della suite dataFeed OPC di Softing con connettore Rest e supporto per i database NoSQL. Il connettore Rest, presentato quest’anno in versione beta alla fiera di Hannover, consente di integrare i dati provenienti dalle...

  • Al via il programma Wildix Cloud Program for Reseller

    Wildix, multinazionale italiana specializzata in soluzioni di Unified Communications e prodotti VoIP, ha dato il via al progetto Wildix Cloud Program for Reseller. Iniziativa rivolta a coloro che vogliono vendere attraverso il cloud soluzioni di UC&C (Unified...

  • 4ward si aggiudica il Microsoft Partner of the Year Awards

    In occasione di Inspire, l’annuale conferenza dedicata ai Partner Microsoft di tutto il mondo, che si è tenuta a Washington D.C. (9-13 luglio), alla presenza di più di 17.000 partner, Microsoft ha premiato i vincitori dell’edizione 2017...

  • Un libro attraverso le 18 tecnologie di Industria 4.0

    Incentivi a parte, quando parliamo di Industria 4.0 volgiamo il pensiero ai concetti di digitalizzazione e innovazione applicate al processo produttivo. Queste espressioni sono però in molti casi generiche e poco significative. Da questa constatazione è nata...

  • Sensore ambientale multifunzione Omron per sistemi IoT

    Omron Electronic Components Europe ha rilasciato un sensore ambientale multifunzione che consente ai progettisti di monitorare sette parametri utilizzando un unico modulo estremamente semplice da integrare. Progettato appositamente per i sistemi IoT autonomi, il nuovo sensore Omron...

  • Nuovo Chief Technical Officer per Juniper Networks

    Juniper Networks, esperto in tecnologia a supporto di reti automatizzate, scalabili e sicure, ha nominato Bikash Koley nuovo Chief Technical Officer. Koley risponderà direttamente al Chief Executive Officer Rami Rahim e avrà la responsabilità di definire la...

  • Cisco e Intesa Sanpaolo insieme per una edizione di Startup Initiative dedicata a industry 4.0

    Intesa Sanpaolo e Cisco hanno lanciato una nuova call per le startup dedicate all’industria 4.0, nel quadro del progetto StartUp Initiative. L’invito è rivolto a startup in cerca di investimenti che stiano lavorando su progetti legati al tema della fabbrica digitale, in...

Scopri le novità scelte per te x