L’alba della Digital Cohesion Era e il futuro che ci aspetta

Pubblicato il 21 febbraio 2017

“L’era delle emotional machine sta arrivando” ha scritto l’esperto di big data & analytics Bernard Marr. Immaginiamo un’applicazione dedicata al fitness che, interagendo con un sistema di analisi dei cibi, con quello che analizza il contenuto del frigorifero e con il servizio di consegna della spesa a domicilio, suggerisca il pasto migliore da mettere in tavola per cena. Non è difficile intravedere i potenziali vantaggi del machine learning e dell’AI, della realtà virtuale e di quella aumentata, in grado di generare servizi che migliorano il benessere delle persone.

Secondo Juniper Networks ci troviamo in piena Digital Cohesion, un’epoca in cui le applicazioni si auto-gestiscono in modo sicuro, adattandosi al comportamento dell’utente e arrivando a prevederne i bisogni. Sensori, applicazioni, cellulari, dispositivi fissi e reti sono un tutt’uno. Queste ultime diventano fondamentali: reti così intelligenti da permettere alle applicazioni di auto-assemblarsi e connettersi autonomamente, generando servizi che miglioreranno la vita di tutti noi. Funzionalità di machine learning incorporate nei chip permetteranno di aumentare enormemente l’intelligenza di tutte le applicazioni cloud e, poiché le aziende cercheranno di sfruttare questa infrastruttura sempre più potente per guadagnare un vantaggio competitivo, capacità di calcolo e risorse di rete saranno più importanti che mai per il successo di un’azienda. All’inizio del 2016 Juniper aveva previsto che l’80% delle reti aziendali avrebbe presto adottato una qualche forma di open networking. Nell’indagine era stato esaminato il ruolo che le reti giocano come elemento chiave per l’attuazione della trasformazione digitale: è emerso che l’84% dei professionisti IT italiani ritiene che le reti aperte e intelligenti siano un elemento cruciale per la trasformazione del business.

Entro pochi anni ci saranno più abitazioni con accesso a Internet di quelle dotate di aria condizionata. Secondo il rapporto Istat Cittadini, imprese e ICT’ del 2016, il 69,2% delle famiglie italiane dispone di un accesso a Internet da casa. Nel 2015 questa percentuale era pari al 66,2% e non vi è ragione di credere che questo trend si interrompa. A essere connesse non saranno solo le case, ma anche gli oggetti nelle case. Secondo i dati dell’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano, nel 2015 il mercato in Italia ha raggiunto 2 miliardi di euro di valore e si contano circa 10,3 milioni di oggetti connessi tramite rete cellulare.

Senza una rete sicura i dispositivi IoT sono solo un peso. Per quanto l’adozione dell’Internet delle Cose da parte dei consumatori sia ancora nelle fasi iniziali, sono molto pochi gli strumenti disponibili chiavi in mano per gestirne la sicurezza. Perché l’Internet delle Cose sopravviva e mantenga le sue promesse è indispensabile che le aziende tecnologiche affrontino seriamente il tema della protezione e offrano la possibilità di integrazione. Costruire una rete sicura è il presupposto per poter disporre di dispositivi connessi veramente sicuri.

Uno dei possibili effetti positivi previsti per l’IoT è che molte città saranno connesse in modo intelligente, controllando di tutto, dalle telecamere per il traffico alle smart grid operanti come un unico sistema completo. Per avvicinarsi all’obiettivo, pubblico e privati dovranno collaborare per sviluppare policy, infrastrutture e sistemi di condivisione dei dati.
Nel 2017 inizieremo a vedere la diffusione di organizzazioni con l’obiettivo di riunire aziende impegnate a costruire un futuro realmente connesso. Ed ecco, quindi, che un’altra tendenza interessante nell’era della Digital Cohesion riguarda le partnership tra grandi aziende tecnologiche, partnership tra ‘frenemy’. Col rapido progresso della tecnologia le aziende dovranno unire le forze, anche con i loro concorrenti. Alcuni tra i principali player tecnologici si stanno già muovendo in questa direzione, per esempio, la recente partnership sull’AI che vede la partecipazione di Facebook, Google, Microsoft, Amazon e Ibm.

Il settore ICT, soprattutto per quanto concerne la sicurezza, si sta lentamente avvicinando a un sistema basato sulla collaborazione e condivisione di informazioni tra concorrenti, necessaria per affrontare le minacce di nuova generazione ed essere un passo più avanti dei criminali. Ciò ha fatto sì che diverse start-up della cyber-sicurezza stiano incontrando il favore dei finanziatori: gli investimenti di venture capital nelle start-up della cyber-security sono passati da 1 miliardo di dollari nel 2010 a 2,5 miliardi nel 2014 (Fonte Bridge Bank).

I bersagli saranno i piccoli. Più le grandi aziende rinforzano le proprie difese, più gli attacchi saranno rivolti alle PMI. Tradizionalmente gli hacker si sono dedicati a colpire grandi aziende, con molti dati e disponibilità economica. Ora, però, i criminali iniziano a concentrarsi soprattutto sulle piccole imprese, che rappresentano bersagli potenzialmente più semplici, facili da colpire, ideali per guadagnare velocemente un po’ di denaro con effetti che, però, possono essere devastanti. E se i firewall sono stati per molti anni alla base della protezione delle reti, con la comparsa di minacce sempre più sofisticate le aziende dovranno imparare a introdurre la sicurezza, quarantene e applicazione, in ogni parte della rete.

Digital Cohesion vuol dire anche automazione. Un recente studio di McKinsey & Company indica che meno del 5% dei lavori sarà rimpiazzato totalmente dai computer. Un numero sempre maggiore di ripetitive attività IT verranno automatizzate e i tecnici avranno il tempo per dedicarsi a iniziative più strategiche, capaci di migliorare la competitività, aumentare l’efficienza e in ultima analisi portare benefici al business. Non solo, l’automazione risolverà i problemi dei dipartimenti IT. Nei prossimi anni, con l’automazione di molte attività tecnologiche di base, come l’implementazione di nuove soluzioni, molte delle frizioni all’interno del gruppo IT saranno eliminate consentendo allo staff di dedicare il proprio tempo al lavoro che piace loro fare.
È chiaro, dunque, che reti sicure, automatizzate e intelligenti, in grado di prevedere e adattarsi alle necessità, giocheranno un ruolo centrale crescendo di importanza man mano che il mondo avanzerà verso la Digital Cohesion Era.



Contenuti correlati

  • Perché non bisogna temere l’intelligenza artificiale

    Virgin Money, un’istituzione finanziaria leader nel Regno Unito, aveva bisogno di trovare un modo per monitorare automaticamente le prestazioni del suo ecosistema digitale. Il team operativo era sommerso da problemi di performance irrisolvibili e come la maggior...

  • Tool di comparazione axélero

    A meno di un anno dal lancio di axel.ai, la piattaforma proprietaria di intelligenza artificiale di ispirazione quantistica in grado di apprendere concetti e di migliorare le proprie performance attraverso l’utilizzo, axélero presenta un tool di comparazione con...

  • Nella fabbrica del futuro c’è l’uomo al centro dell’attenzione

    Robot che si adattano alla loro controparte umana, occhiali per realtà aumentata che forniscono informazioni a chi li indossa, macchine apprendenti che si ottimizzano da sole: “La fabbrica del futuro è una fabbrica che pensa da sola,...

  • Le reti negli edifici pubblici

    Le funzioni di controllo e gestione degli impianti tecnologici di un edificio pubblico sono oggi quasi sempre demandate a soluzioni di automazione: le reti ne costituiscono la base imprescindibile Leggi l’articolo

  • A Torino un nuovo Master per esperti in reti di fibra ottica

    5G, video ad alta definizione, contenuti di realtà virtuale e aumentata, crescita dei servizi cloud, sincronizzazione delle reti e dell’Internet of Things: tutte tecnologie che stanno entrando in maniera sempre più diffusa nella nostra vita quotidiana, ma...

  • Visione artificiale, un innovativo sistema di riconoscimento delle targhe

    VIA Technologies ha introdotto il sistema VIA Mobile360 License Plate Recognition, una soluzione di visione artificiale che permette il rilevamento e il riconoscimento, automatico e ad alte prestazioni, delle targhe, sia in tempo reale che attraverso filmati...

  • Acronis protegge i dati della scuderia di Formula 1 Sahara Force India

    Acronis ha reso nota la nascita di una partnership tecnologica ufficiale per la protezione dei dati con la scuderia di Formula 1 Sahara Force India. Acronis fornirà soluzioni di backup, disaster recovery, software-defined storage, sincronizzazione e condivisione...

  • Trend Micro fa il punto sulla GDPR

    L’entrata in vigore del GDPR (General Data Protection Regulation) è sempre più vicina: XGen Security di Trend Micro è una soluzione che protegge i dati personali all’interno delle aziende, ottimizzata per tutti i tipi di ambiente: fisici, virtuali,...

  • L’intelligenza artificiale sta cambiando il mondo, ma in meglio?

    Tamara McCleary, CEO di Thulium, sostiene che il settore dell’energia in Europa ha un ruolo cruciale da svolgere nel guidare l’applicazione responsabile dell’Intelligenza Artificiale. Non sorprenderà sapere che l’intelligenza artificiale è utilizzata in alcune delle tecnologie più...

  • Apprendimento IA basato su modello per controllare le apparecchiature

    Mitsubishi Electric Corporation ha sviluppato una tecnologia che utilizza l’intelligenza artificiale (IA) basata su modello per controllare le apparecchiature in modo autonomo. La tecnologia IA proprietaria di Maisart (acronimo di Mitsubishi Electric’s AI creates the State-of-the-ART in...

Scopri le novità scelte per te x