Dati Acimac 2016: fatturato in crescita oltre i 2 miliardi di euro

Pubblicato il 27 giugno 2017

Il settore dei costruttori italiani di macchine per ceramica continua ad avere il vento in poppa. Dopo gli incrementi registrati negli tre anni precedenti, anche il 2016 si è chiuso con il fatturato in crescita del +2,3%, pari a 2,028 miliardi di euro. Si tratta del record storico nel giro d’affari per questo importante settore del made in Italy dei beni strumentali.

A incidere positivamente sull’andamento, sia le ottime performance sul mercato domestico (+4,5%) che hanno portato a 481,3 milioni di euro il fatturato realizzato in Italia, sia quelle sui mercati internazionali (+1,6%), che nel 2016 hanno generato un giro d’affari di 1.546,4 milioni di euro, pari al 76,3% del totale.

“I risultati raggiunti a fine 2016″, ha commentato il Presidente di Acimac (l’Associazione confindustriale di riferimento), Paolo Sassi, “confermano la leadership delle nostre aziende e la tenuta di un sistema industriale capace di presidiare tutti i mercati mondiali con innovazioni tarate sulle specifiche delle diverse tipologie di clienti e che cavalcano le più attuali logiche 4.0”.

È stato un quadriennio di crescita per il mercato italiano quello che si è chiuso a fine 2016. Gli investimenti realizzati dall’importante clientela italiana hanno generato un incremento di fatturato di oltre 100 milioni di Euro (+44% sul 2013). Positivo anche l’andamento degli occupati, cresciuti del 6,2% (nel periodo precedente l’incremento è stato del +0,4%) per un totale di 6.614 unità. Si registra, invece, un calo trascurabile delle imprese censite operanti nel settore, 147 contro le 148 del 2015.

L’export resta il principale punto di forza dell’industria italiana dei costruttori di macchine per la ceramica, che si confermano il più importante sistema industriale al mondo. La presenza sui mercati internazionali resta capillare con quote equamente distribuite sui principali mercati. Per quanto concerne le aree di export, al primo posto troviamo l’Unione Europea con 342 milioni di euro di fatturato realizzati (22,1% del fatturato totale), in incremento del +23,3% rispetto al 2015. Scende al secondo posto il Sud-Est Asiatico passando da 277,9 a 238,2 milioni di euro (-14,3%) pari al 15,4% del fatturato complessivo. A seguire, il Medio Oriente che registra un incremento del +25,1% (233,5 milioni di euro, 15,1% sull’export globale). Subito dopo si posiziona il Nord America che, con un incremento del +8,5%, nel 2016 sale al quarto posto, con 174,5 milioni di euro. Al quinto posto l’Est Europa con 158,9 milioni di euro (+3,9%) arrivando così al 10,3% delle esportazioni totali. Una decrescita nelle vendite fa scendere al sesto posto il Sud America, con 158,7 milioni di euro (-14,6%). Seguono l’Africa, con un totale di 148,6 milioni (-27,1%), Cina, Hong Kong, Taiwan con 90,8 milioni di euro (+20,4%) e l’Oceania con i suoi 1,2 milioni di euro di fatturato. Alle vendite realizzate all’estero, si aggiunge il giro d’affari prossimo ai 500 milioni di euro generato dalle 67 aziende a capitale straniero controllate da aziende italiane.

Per quanto riguarda i settori clienti, le vendite ai produttori di piastrelle continuano a rappresentare la quota più importante del fatturato. Nel 2016 il giro d’affari realizzato in questo settore è stato pari a 1.702,4 milioni di euro, in crescita del +4,1% e pari all’84,1% del totale. Il settore dei produttori di laterizi, invece, è passato da 156,1 a 152,8 milioni di euro (-2,1%), rimanendo comunque il secondo comparto di destinazione. In calo anche il settore dei sanitari, passato da 126,9 a 114,4 milioni di euro (-9,9%), principalmente a causa di una decrescita significativa delle vendite sul mercato italiano (-50,3%). Al quarto posto si attestano le vendite ai produttori di refrattari, per i quali l’anno appena concluso si è tradotto in un -11,8%; diminuzione che ha portato il volume di fatturato da 39,3 a 34,7 milioni di euro, nonostante sul mercato italiano si registri un incremento dell’84,2%. Altro notevole calo nel settore della ceramica tecnica, le cui vendite sono diminuite del 26,7% portando il giro d’affari a un valore di 5,0 milioni di euro. In aumento, invece, le macchine per stoviglieria e oggettistica (+2,5%), grazie soprattutto al trend positivo del mercato domestico.

Le prime proiezioni sull’andamento dell’anno in corso sono positive: i dati relativi al primo trimestre, diffusi dal Centro Studi Acimac, fotografano una crescita del +13,3%, trainata dall’exploit record registrato sul mercato italiano (+60,6%).



Contenuti correlati

  • Il neo Vice Presidente Federmeccanica Fabio Tarozzi: “Il mio impegno per i produttori emiliani di macchine”

    Nuovo prestigioso incarico in ambito confindustriale per il Past President di Acimac Fabio Tarozzi, che è stato di recente eletto Vice Presidente di Federmeccanica, la Federazione Sindacale dell’Industria Metalmeccanica Italiana che associa circa 16.000 imprese con 800.000 addetti. Tarozzi...

  • Elezioni in Acimac e Ucima

    L’Assemblea generale di Acimac (Associazione Costruttori Italiani Macchine e Attrezzature per Ceramica) ha eletto i membri del consiglio direttivo che affiancheranno il Presidente, Paolo Sassi, e i vice-presidenti, Emilio Benedetti, Paolo Lamberti e Maurizio Manzini, nella guida...

  • I percorsi formativi Industry 4.0 di Acimac e Ucima

    SBS Scuola Beni Strumentali e Politecnico di Milano, in collaborazione con le associazioni di categoria ACIMAC e UCIMA, presentano un esclusivo percorso formativo sui principali temi della cosiddetta Industry 4.0, la quarta rivoluzione industriale, peraltro oggetto di...

  • Innovazione in azienda: genialità o pratica manageriale?

    L’innovazione è uno dei fattori che differenzia le aziende di successo da quelle che non riescono a tenere il passo con i tempi che cambiano. Tuttavia, in questo contesto sempre più rapido e mutevole l’innovazione spot, fatta...

  • Macchine per ceramica: è record storico di fatturato

    Prosegue il trend positivo del mercato italiano per il settore delle macchine per ceramica, che totalizza 461 milioni di euro, +4,3% sul 2014, mentre l’export, che genera il 76,8% del fatturato, cresce del 9,1% pari a 1.522...

  • Scomparso Ivanno Ligabue, il ricordo di ACIMAC

    Fondatore e presidente di ACIMAC dal 1996 al 2000, Ivanno Ligabue è stato uno degli imprenditori più geniali e brillanti del distretto ceramico. “La genialità tipica di una grande generazione di imprenditori. Il carisma e la spontanea...

  • Brasile e India: macchine per la ceramica in mostra

    Acimac (Associazione dei Costruttori Italiani di Macchine e Attrezzature per Ceramica) si appresta a varcare i confini nazionali per partecipare a due dei principali eventi fieristici internazionali. Si terranno infatti in contemporanea le manifestazioni Revestir (1-4 Marzo) a...

  • A 6 miliardi di euro il fatturato dell’industria della ceramica

    Piastrelle, stoviglie, sanitari e materiali refrattari: l’industria della ceramica italiana è fonte di lavoro per 120 mila persone e produce un fatturato di 6 miliardi di euro. A sottolinearlo è stata Avvenia, azienda attiva nel settore della ‘white economy’,...

  • Macchine per ceramica: fatturato in crescita nel 2015

    I costruttori di macchine e attrezzature per ceramica si apprestano ad archiviare un 2015 nettamente positivo. Seppur permangano difficoltà per alcuni settori clienti, laterizi e sanitari, e in alcuni mercati esteri tra cui Russia, Brasile e Cina,...

  • Tecnologia ceramica italiana in crescita nel 2014

    I risultati emersi dalla 23° Indagine Statistica Nazionale realizzata da Acimac-Associazione Costruttori Italiani Macchine Attrezzature per Ceramica descrivono il settore in crescita del 7% rispetto all’anno precedente, con un fatturato che raggiunge 1,836 miliardi di euro, e...

Scopri le novità scelte per te x