Competenze digitali cercasi: così il risultato di un Osservatorio sull’ICT

Nuovi skill per la Digital Transformation: le associazioni ICT hanno presentato un Osservatorio sullo stato in Italia delle nuove competenze richieste dalle aziende per competere su un mercato 'digitalizzato'

Pubblicato il 18 gennaio 2016

Diffusione a macchia di leopardo: dal 37% per la PA locale al 73% per le aziende tecnologiche. Poca formazione digitale interna, la media è di 6,2 giornate l’anno nelle imprese ICT, quattro nella PA e solo tre nelle aziende utenti. Al top le lauree in Informatica e Ingegneria, ma manca una condivisione dei percorsi e degli skill che servono alle aziende più innovative. I profili più ricercati sono il Security Specialist, l’Enterprise Architect e il Business Analyst per le aziende informatiche, che li cercano per il 70% nei network professionali. Per le aziende utenti e la PA i più ricercati al primo posto sono i CIO, la ricerca avviene tramite agenzia (50%) tramite concorso pubblico. Le retribuzioni per i profili digitali sono in lieve crescita per gli impiegati (+3,6%) e in calo per dirigenti (-1,2%) e quadri (-2,9%).

La Trasformazione Digitale impone dunque ai singoli mercati e alle società di adeguarsi, innescando processi virtuosi di innovazione. Per farlo occorrono però le giuste competenze, che nel nostro Paese in parte ancora mancano, sia per l’assenza di una strategia di lungo periodo che coinvolga aziende e sistema formativo, sia per un ‘digital divide’ ancora endemico.

È quanto emerge dalla seconda edizione dell’Osservatorio delle Competenze Digitali, condotto dalle principali associazioni ICT: Aica, Assinform, Assintel e Assinter Italia e promosso dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) e realizzato da NetConsultingcube; la ricerca ha coinvolto aziende della domanda e dell’offerta ICT e Pubbliche Amministrazioni.

In sintesi:

  • Aziende e PA sono altamente consapevoli (80-90% dei rispondenti) dell’impatto della ‘Digital Transformation’ e della necessità di adeguare le competenze digitali soprattutto alla luce dei nuovi trend (mobile, digitalizzazione di flussi e processi, business analytics, iot, cloud computing, evoluzioni Web, pagamenti elettronici).
  • Il livello di copertura delle competenze (definite sulla base del sistema europeo e-Competence Framework – e-CF), misurato come simultanea presenza di tutte le componenti necessarie, varia dal 73% delle aziende ICT al 67% delle società in house delle Regioni e province autonome al 48% delle aziende utenti, per poi scendere al 41% nella PA centrale e al 37% nella PA locale.
  • I profili più ricercati nelle aziende ICT sono il security specialist, l’enterprise architect, il business analyst. Nelle aziende utenti e nella PA sono il CIO, il security manager, il database administrator e il digital media specialist, l’enterprise architect, il business information manager, l’ICT consultant e il business analyst.
  • I canali di reclutamento prevalenti sono per le aziende ICT il network personale-professionale (70% circa delle aziende interpellate), mentre per le aziende utenti sono le società di ricerca e selezione (più del 50% delle aziende utenti) e nella PA si ricorre soprattutto al concorso pubblico (100% della PA Centrale e oltre l’80% della PA Locale).
  • La crescita delle competenze interne è basata soprattutto sul training on the job (oltre il 90% degli enti centrali, 75% di quelli locali, 80% delle aziende utenti, 87% delle aziende ICT). Fanno eccezione le società ICT in house di Regioni e province autonome, che più di tutte ricorrono a corsi di formazione, ma ciò non corregge il fatto che in generale le giornate dedicate alla formazione sono pochissime: la media è di 6,2 giornate annue pro-capite nelle aziende ICT, quattro nella PA, tre nelle aziende utenti.
  • Le lauree più accreditate sono informatica/scienza dell’informazione, unitamente ad altri indirizzi di ingegneria. Sia presso le aziende del settore ICT che presso quelle della domanda, infatti, sono le lauree che rispondono meglio alle variegate sfide che l’evoluzione digitale comporta. L’apprezzamento si attesta intorno all’80% degli intervistati. Per l’80% delle aziende informatiche risulta inoltre fondamentale un sistema di certificazione delle competenze tecniche.
  • Le retribuzioni nel settore ICT, che costituiscono uno specchio dell’andamento del mercato, sono un punto che certamente non brilla: sono più basse rispetto alla media generale, soprattutto per i livelli decisionali (dirigenti -1,2%, quadri -2,9%), mentre se la cavano meglio gli impiegati (+3,6%). Nel 2014 c’è stato qualche segnale di miglioramento: la retribuzione media nel 64% dei casi è stata superiore all’1%; nel 24% un calo tra l’1% e il 5%; nel 12% dei casi nessuna variazione sensibile. Segnali positivi, quindi, per il settore ICT, anche se questo rimane indietro rispetto ad altri settori.
  • In tema di osmosi scuola-lavoro, lo studio rileva che il 60% delle aziende (ICT e utenti) e degli enti ha rapporti continuativi con il mondo accademico, finalizzati prevalentemente ad assorbire risorse già formate per attività di stage, nonché di supporto a tesi di laurea sperimentali. Poche infatti sono le realtà che partecipano ai comitati di indirizzo dei corsi di studio. I rapporti con gli istituti tecnici/istituti di istruzione secondaria sono scarsi: solo il 27,3% delle aziende ICT e il 22% di aziende utenti ed enti pubblici li dichiarano.

I dati dell’Osservatorio evidenziano come in Italia la cultura e le competenze digitali non riescano a tenere il passo con la società e l’economia; il rischio è che il nostro Paese accentui il ritardo rispetto alle altre economie sviluppate. Il messaggio che emerge dalla presentazione dell’Osservatorio non può che concentrarsi dunque sulla necessità di una condivisione strategica, volta ad amplificare e velocizzare il dialogo tra mondo dell’istruzione e del lavoro. È necessario, ad esempio, nel breve, accelerare la definizione di una rinnovata normativa per gli Ifts, realizzare una piattaforma nazionale dei contenuti didattici digitali, introdurre innovativi percorsi di formazione accademici, promuovere attività di tutoraggio extra curricolari.
Tutto questo mentre emerge a latere l’opportunità di adeguare strumenti consolidati ed emergenti di convalida e riconoscimento delle competenze e di sostenere le imprese che investono nella creazione di competenze digitali.



Contenuti correlati

  • A Roma premiati i vincitori del Trofeo Smart Project 2018 di Omron

    Giunto quest’anno alla sua 11ma edizione, il Trofeo Smart Project Omron nasce con l’obiettivo di avvicinare le scuole tecniche e professionali al mondo dell’automazione industriale, in accordo con le direttive ministeriali che promuovono gli interventi di valorizzazione...

  • Il distretto della carta punta sui giovani

    Eplan Software & Service, noto fornitore di soluzioni di progettazione CAD elettrica e fluidica, nell’ambito della propria politica di investimenti nel settore della scuola, ha siglato un accordo con tre importantissime scuole della lucchesia con l’obiettivo non...

  • Libro Bianco sull’Intelligenza Artificiale nella PA

    È stato presentato a Roma il primo Libro Bianco L’Intelligenza Artificiale a servizio del cittadino a cura della Task force IA dell’Agenzia per l’Italia Digitale, l’agenzia pubblica incaricata di garantire la realizzazione dell’Agenda Digitale Italiana composta da un...

  • Osservatorio MecSpe 2018: l’onda lunga di Industria 4.0

    Ritrovata fiducia nel futuro, ottimi dati economici e percorso di innovazione e digitalizzazione saldamente avviato: sono le principali indicazioni che provengono dal comparto della meccanica italiana raccolte dall’Osservatorio MecSpe, realizzato da Senaf e presentato in occasione dell’inaugurazione...

  • Mitsubishi Electric a MecSpe 2018 mostra le sue soluzioni integrate per la meccatronica

    I modelli produttivi sono in rapida evoluzione e impongono nuovi requisiti anche ai sistemi tecnologici. Mitsubishi Electric dedica la sua partecipazione a MecSpe 2018 proprio a illustrare quali siano queste nuove esigenze, con particolare focus sui sistemi...

  • Al via l’accademia “ITS Smart Manufacturing Project”

    Schneider Electric e Fondazione ITS Lombardia Meccatronica di Sesto San Giovanni (MI) hanno siglato un accordo che porta, già a partire da questo mese di marzo, alla partenza dell’Accademia “ITS Smart Manufacturing Project”, un percorso formativo nazionale...

  • Donne CEO, vantaggio per le aziende: ecco perchè

    Da Mary Barra, CEO di General Motors, la donna più potente del mondo secondo Fortune, a Indra Nooyi, AD di Pepsi, fino a Marillyn Hewson, CEO del colosso militare Lockheed Martin. Le donne, come rilevato dall’importante testata...

  • Siemens Italia e CNOS-FAP insieme per la formazione dei professionisti del futuro

    Tra le sfide lanciate dall’Industria 4.0 c’è la richiesta di professionisti formati e qualificati non solo sulle tecnologie di automazione ma anche sulla digitalizzazione e sull’integrazione del software industriale e dell’Information Technology, quali fattori chiave per la...

  • Assunzioni in SMC Italia dopo l’Alternanza Scuola Lavoro

    L’intuizione del Chairman di SMC Italia, Walter D’Alessandro, alla guida dell’azienda da quarant’anni, e della preside Anna Amanzi (già preside a L’Aquila) ha costituito un unicum che ha portato l’azienda con sede a Carugate (Milano) e con...

  • Il futuro della manodopera tema chiave per l’industria a ISS Europe

    Temi chiave al SEMI Europe Industry Strategy Symposium (ISS Europe) 2018, che si terrà a Dublino dal 4 al 6 marzo, saranno l’istruzione Stem (Science, Technology, Engineering, Mathematics) e il serbatoio di talenti, entrambi di fondamentale importanza per...

Scopri le novità scelte per te x