Brexit e Italia: quali opportunità? Un giudizio da Frost & Sullivan

Delocalizzazione, detassazione e nuovi accordi strategici tra le maggiori opportunità per il mercato italiano

Pubblicato il 7 luglio 2016

“In Italia c’è ampio consenso in merito all’impatto negativo che la Brexit avrà sull’economia britannica ed europea nel breve così come nel lungo periodo, ma molta divergenza riguardo alla dimensione ed intensità di tale impatto” sottolinea Livio Vaninetti, Direttore Italia, Frost & Sullivan, che prosegue: “L’Italia è fra i paesi che risultano meno vulnerabili rispetto all’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, tenuto conto di fattori quali ad esempio le esportazioni di beni e servizi verso il Regno Unito, attualmente attorno al 3% del Pil nazionale, i flussi bidirezionali di emigrazione, ed i crediti del settore finanziario.
È però naturale aspettarsi un impatto sulle quotazioni delle aziende italiane in borsa, nonché sullo spread nel breve e medio periodo, dovuto alla generale instabilità dei mercati legata alle conseguenze politiche della Brexit, ed alla maggiore debolezza dovuta al debito pubblico italiano. Bisogna inoltre considerare il potenziale rischio di effetti emulativi da parte di altri stati dell’Unione Europea”.

Le principali opportunità che la Brexit potrebbe generare per le imprese italiane sono tre:

– Nei prossimi anni, è probabile che si verifichi una parziale delocalizzazione di realtà internazionali dal Regno Unito verso l’Unione Europea, in particolare le attività produttive che si avvalgono del Regno Unito quale porta d’accesso all’UE. Ad esempio, la Gran Bretagna potrebbe assistere alla migrazione degli stabilimenti automobilistici al di fuori dei suoi confini se i produttori non godessero più dei benefici del libero scambio con l’UE. Ciò potrebbe tradursi in opportunità interessanti per le aziende italiane operanti in questo settore.

Un altro esempio è costituito dalle piattaforme digitali operanti nell’e-commerce e nella e-economy, che difficilmente potranno rimanere fuori dall’Unione Europea e continuare ad avere accesso alle preziose garanzie della BCE. La presenza dei distretti tecnologici in Italia, ricchi di aziende particolarmente innovative nella propria nicchia, possibili accordi governativi di detassazione per le aziende internazionali che si volessero trasferire in Italia, nonché la qualità della vita nel nostro Paese, potrebbero essere carte vincenti in questo processo.

– Gli effetti a lungo termine della Brexit potrebbero essere paradossalmente positivi, con un’Europa più unita ed orientata a garantire migliori prospettive di crescita e di occupazione. L’Italia avrebbe tutte le carte in regola per giocare un ruolo determinante in questo nuovo scenario. Inoltre, con un concorrente politico in meno sul tavolo dell’Europa, l’Italia sarebbe in grado di spingere accordi e condizioni ancora più favorevoli per le aziende italiane nel contesto dell’Unione Europea.

– Il ruolo dell’Italia nelle esportazioni e nei piani di sviluppo dei paesi periferici dell’UE potrebbe essere ancora maggiore di prima, soprattutto in Est Europa. La Brexit potrebbe portare ad una rivitalizzazione dei rapporti con la Russia e ad un ulteriore processo di espansione dell’Unione nell’Europa dell’Est. Gli impatti per l’Italia sarebbero certamente positivi, soprattutto in settori forti come ad esempio il Made in Italy, lusso, trasporti, navale, farmaceutioco, e food & beverage.

Cosa devono dunque fare le aziende italiane per cogliere queste opportunità?
“Pur non tralasciando i rischi e costi nel medio termine, l’essenziale di queste sfide è la velocità con cui le nostre aziende ed il nostro governo sapranno rispondere. Molte aziende dovranno rivedere i propri piani strategici e valutare attentamente gli impatti diretti ed indiretti. Dovranno inoltre tener conto di cosa cambierà al di fuori dell’UE, per esempio con paesi con cui la Gran Bretagna ha stretto patti attraverso l’UE e che in futuro non avranno più valore” conclude Vaninetti.
“Di certo, chi vuole approfittare di queste nuove dinamiche deve muoversi subito ed analizzare tutti i diversi scenari, per poter prendere rapidamente decisioni basate su un’informazione approfondita ed a 360 gradi”.



Contenuti correlati

  • Italia nel mirino dei ransomware

    I ransomware continuano ad abbattersi sull’Italia, che risulta il settimo Paese nel mondo e il secondo in Europa più colpito da questo fenomeno. Questo il dato che emerge dal periodo di monitoraggio gennaio 2016 – giugno 2017...

  • Frost & Sullivan: 100 nuovi modelli di veicoli elettrici ibridi plug-in entro il 2021

    Dal lancio imminente di 100 nuovi modelli, gli incentivi favorevoli e la conformità agli obiettivi fissati per le emissioni, fino alla capacità della batteria sufficiente a coprire distanze di guida quotidiana e alla disponibilità dei consumatori ad...

  • Il SEP Report “Scaleup Europe”

    Alberto Onetti – Chairman di Mind the Bridge e Coordinatore di SEP Report “Scaleup Europe” – ha recentemente presentato al Parlamento Europeo, alla presenza del Presidente Antonio Tajani, il SEP Report “Scaleup Europe”. Il report rappresenta a oggi...

  • Cambium Networks guarda all’Est Europa

    Cambium Networks espanderà la sua strategia ‘Connecting the Unconnected’ nel mercato dell’Europa dell’Est sotto la guida di Alessio Murroni, recentemente nominato Senior Sales Director per l’Europa. Migliaia di reti nel mondo hanno potuto beneficiare dell’upgrade alle soluzioni...

  • Sterlina debole, inflazione e IVA: spine nel fianco della Gran Bretagna in piena Brexit

    Rallentamento dei consumi e inflazione galoppante sono i primi nodi che la Gran Bretagna in fase di transizione verso Brexit si trova a dover affrontare. Secondo BDO, network internazionale di revisione contabile e consulenza aziendale, infatti, l’impatto...

  • Avnet, prosegue la partnership con Extreme Networks

    Avnet ha esteso il contratto di distribuzione con Extreme Networks in Italia. La solida partnership è iniziata più di 15 anni fa in Germania e consente oggi ad Avnet di offrire il software e le soluzioni per...

  • Frost & Sullivan premia Zero Day Initiative per l’affidabilità nel rilevare le vulnerabilità

    Trend Micro annuncia che la Trend Micro Zero Day Initiative (ZDI) è stata riconosciuta da Frost & Sullivan come l’organizzazione migliore per numero di vulnerabilità verificate che sono state riportate nel 2015. Nello studio “Analysis of Global...

  • L’Industria 4.0 decolla in Italia

    Un’indagine di Avvenia volta a scoprire il grado di conoscenza e di implementazione delle nuove tecnologie digitali dell’Industria 4.0 nelle aziende manifatturiere italiane mette in evidenza che la maggior parte delle aziende (98%) conosce queste tecnologie e...

  • Frost & Sullivan premia ancora Siemens

    La società di consulenza Frost & Sullivan ha premiato la Divisione Building Technologies di Siemens con il premio European Building Technologies Company dell’anno, riconoscendole le soluzioni e i servizi d’eccellenza. La cerimonia di premiazione si è svolta...

  • Fotovoltaico, una crescita inarrestabile

    L’energia solare sta finalmente maturando come fonte energetica chiave nel panorama globale. Oltre agli obiettivi ecologici, all’indipendenza energetica e all’energia distribuita, un fattore chiave per l’accelerazione del mercato è stata la definizione della struttura di feed-in tariff...

Scopri le novità scelte per te x