Assinform sul ddl Stabilità: necessario un maggior impulso alla crescita e modernizzazione

Angelucci: il governo ci ripensi, 200 milioni nella digitalizzazione della Pa genererebbero 1 miliardo di investimenti delle imprese ICT

Pubblicato il 24 ottobre 2011

“Duecento milioni di euro rappresentano poco più del 12% delle risorse non preventivate emerse dall’asta dell’Lte: se impiegati nella dematerializzazione e per processi di switch-off dalla carta al digitale nella Pa avrebbero non solo ricadute dirette sull’innovazione e qualità dei servizi pubblici e sull’aumento dell’occupazione giovanile, ma indurrebbero investimenti dal parte delle imprese e dell’ industria It dell’ordine di 1 miliardo di euro, essendo 5 il fattore moltiplicatore degli investimenti in tecnologie digitali” è la proposta di Paolo Angelucci, presidente di Assinform, l’associazione dell’Information Technology di Confindustria, a fronte di quanto emerso dalla bozza di ddl Stabilità in cui, contrariamente a quanto previsto inizialmente, le maggiori risorse derivanti dall’asta delle frequenze potrebbero essere tutte destinate a interventi di risanamento di bilancio e a non meglio precisati eventi celebrativi.

“Siamo consapevoli della delicata situazione delle finanze pubbliche – continua a Angelucci – ma proprio per questo invitiamo il Governo a un ripensamento. È il momento di valutare l’opportunità che si presenta oggi al Paese di poter ottenere, anche con poche risorse extra budget, ritorni rapidi in termini di spinte verso la crescita e la modernizzazione. L’innovazione tecnologica al servizio dei cittadini, delle imprese e delle Pubbliche Amministrazioni, è una leva di sviluppo e di benessere per la collettività e sarebbe assolutamente necessario utilizzare una parte delle risorse aggiuntive nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione con interventi sia sul lato dell’offerta tramite l’estensione della fibra ottica in primis nei distretti industriali, sia su quello della domanda di servizi innovativi a partire da quelli delle Pubbliche Amministrazioni. L’Expo 2015 è alle porte, abbiamo una vetrina mondiale a cui l’Italia non può rinunciare e deve presentarsi con infrastrutturazione e servizi avanzati recuperando un’immagine di paese moderno e competitivo.

Assinform: www.assinform.it



Contenuti correlati

  • Nuovo stabilimento Antares Vision in Italia

    Dopo il nuovo centro di ricerca e sviluppo software dedicato alla computer vision e all’intelligenza artificiale, inaugurato in Irlanda a fine dicembre 2017, Antares Vision torna a investire in Italia con un nuovo centro di produzione che...

  • Le aziende che fanno più pubblicità dell’anno scorso risparmiano (parecchio) sulle tasse

    Buone notizie per le aziende che investono in pubblicità. In particolare per quelle che hanno intenzione di puntare su questa forma di comunicazione in misura maggiore rispetto a quanto fatto lo scorso anno. Per loro sono previsti interessanti...

  • Festo: inaugurato l’hub logistico automatico di Cincinnati

    Inaugurazione avvenuta lo scorso 14 ottobre del nuovo hub logistico Festo di Mason, Cincinnati, dove l’azienda ha trasferito il Regional Service Center per i Paesi Nafta. Con un investimento di 60 milioni di $, il centro si...

  • L’Italia che innova supera le incertezze economiche

    Il rallentamento del quadro macroeconomico non intacca le potenzialità di ripresa della digitalizzazione del paese. Nei primi sei mesi del 2016, il mercato digitale italiano (informatica, telecomunicazioni e contenuti) è cresciuto dell’1,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno...

  • Start-up: una su 100 ce la fa…

    Solo l’1% delle idee d’impresa innovative riesce ad arrivare a un primo finanziamento per avviare l’attività. È quanto è emerso al convegno ‘Capitali Coraggiosi’ promosso a Bologna da IAG (Italian Angels for Growth), il principale network di...

  • Era digitale: l’industria italiana torna competitiva ma è ancora zoppa

    L’Italia, dal 2015, ha ripreso a investire in Ict e continuerà a farlo nel prossimo triennio. Questo è un dato che indica solo l’inizio di un percorso e le previsioni di crescita fino al 2018 confermano. In...

  • Eletto il nuovo consiglio generale Assinform 2016-2020

    L’Assemblea di Assinform, l’associazione che rappresenta in Confindustria le principali imprese di Information Technology (IT) operanti in Italia, ha eletto i componenti del nuovo Consiglio Generale per il quadriennio 2016-2020. Il Consiglio Generale è l’organo esecutivo di...

  • Context: Italia ignora i vantaggi della smart home ma nel futuro investirà

    Italia ancora indietro sulla casa intelligente. Secondo un recente sondaggio condotto da Context su un campione di 2500 consumatori in Francia, Regno Unito, Germania, Spagna e Italia rivela che il nostro Paese non è ancora realmente pronto ma...

  • Istituzioni, Università e Impresa a confronto

    Le competenze digitali sono un fattore strategico per la competitività e la qualità della vita, ma in Italia si fa ancora troppo poco per svilupparle nelle imprese, nelle Pubbliche Amministrazioni, nella società. La loro diffusione è a...

  • Il digitale italiano ritrova la spinta e punta a coinvolgere la piccola impresa

    Il mercato digitale italiano (informatica, telecomunicazioni e contenuti digitali) è ripartito. Nel giro di un anno ha recuperato, passando dal -1,4% del 2014 al +1% del 2015 e a una previsione annua 2016 del +1,5%. L’inversione di...

Scopri le novità scelte per te x