ABB e Università di Genova, premio alle tesi su Digitalizzazione e Smart Cities

Pubblicato il 23 novembre 2017

La digitalizzazione attraverso l’Internet of Things nell’industria della generazione di energia e Smart grids e smart cities. Questi i temi dei due Premi di Laurea intitolati alla memoria dell’ingegner GB Ferrari, istituiti da ABB presso l’Università degli Studi di Genova. I vincitori dei premi, ciascuno del valore di 5.000 euro, sono stati Ivan Vaccari, con una tesi dal titolo “Studio delle problematiche di sicurezza di reti zigbee in riferimento al fenomeno Internet of Things” per la categoria della digitalizzazione attraverso l’Internet of Things, e Monica Crosa di Vergagni con una tesi intitolata “Strategia di controllo della risposta inerziale di un parco eolico e del suo contributo alla regolazione della frequenza”, per la categoria smart grids e smart cities.

“Gli argomenti scelti – commenta Mario Corsi, amministratore delegato di ABB Italia – sono in piena sintonia con le strategie del nostro Gruppo e, proprio su questi, GB Ferrari ha svolto un ruolo pionieristico e propulsivo, anticipando quelle che oggi sono riconosciute come vere e proprie rivoluzioni in atto nei settori dell’energia e dell’Industria 4.0 su scala globale. Ed è certamente significativo che queste rivoluzioni siano in pieno fermento proprio nella sua Genova, non a caso scelta per l’implementazione del progetto europeo Transform, dedicato proprio alle città intelligenti”.

Genova con i suoi 600mila abitanti, il suo porto, il suo territorio fragile, e la sua importante presenza industriale, è una realtà con dimensioni e caratteristiche ideali per essere smart city e fucina della digitalizzazione. Grazie alle sue competenze fortemente specialistiche, che ABB anche attraverso questa iniziativa promuove e sostiene, Genova ha un ruolo centrale, di sicuro significato europeo, anche nell’ambito della protezione delle infrastrutture critiche quali l’energia, i trasporti, l’industria e la logistica.

“Le tematiche dei Premi sono già oggi di grande attualità e a maggior ragione lo sono in prospettiva futura – ha commentato il professor Stefano Massucco, referente per l’Ateneo genovese della Convenzione Quadro per collaborazioni di ricerca e formazione con ABB. Argomenti interdisciplinari di tale portata necessitano di un approccio sistemistico e, proprio per la loro complessità, non possono che essere sviluppati stringendo una collaborazione sempre più stretta tra università e mondo dell’impresa. È di fondamentale importanza, dunque, la formazione di future figure professionali nel settore elettrico e nelle tecnologie dei sistemi integrati di telecomunicazione, indispensabili per raccogliere e affrontare le sfide poste dai tanti e significativi cambiamenti in atto”.

Figura di spicco in ABB Italia come nel panorama industriale genovese, membro del Consiglio Esecutivo di Confindustria Genova e socio fondatore dell’Associazione Amici Scuola d’Ingegneria di Genova, GB Ferrari, scomparso lo scorso anno, ha fortemente creduto nella collaborazione tra ABB e l’Università. Collaborazione divenuta realtà nell’Anno Accademico 2007-2008, e consolidata nel tempo, perseguendo gli obiettivi di arricchire la qualità dei processi formativi e di ricerca, e di favorire la diffusione della cultura d’impresa.

Oggi questa collaborazione contempla attività e iniziative ad ampio spettro: premi, borse di studio, seminari, dottorati di ricerca, master, corsi di aggiornamento, progetti sviluppati in stretta sinergia per l’uso di nuove tecnologie di comunicazione nei processi formativi, partecipazioni congiunte a programmi di ricerca e formazione nazionali e internazionali.



Contenuti correlati

  • ABB e Politecnico Milano continuano la loro collaborazione

    Mario Corsi, Amministratore Delegato di ABB Italia, e Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano, hanno siglato il rinnovo della convenzione tra ABB e Polimi fino al 2020 rafforzando per un ulteriore triennio il loro legame. Un sodalizio...

  • SKF, l’evoluzione dei moderni sistemi lineari vuole nuovi attuatori

    SKF ha presentato a Stoccarda alla fiera Motek 2017 una nuova serie di attuatori che rappresenta l’evoluzione dei moderni sistemi lineari. I moduli principali che definiscono l’attuatore sono l’unità lineare, il riduttore, l’adattatore motore, il motore elettrico...

  • Reti intelligenti per la città

    Smart city, smart mobility e dintorni: dove il digitale prende corpo in una serie di infrastrutture tali da rendere più efficienti i sistemi complessi di gestione dei servizi presenti nelle città Leggi l’articolo

  • Baumer: interruttori di livello LBFH e LBFI con IO-Link disponibili

    Gli interruttori di livello LBFH e LBFI con IO-Link e omologazione ATEX sono disponibili. Lo annuncia Baumer in una nota. L’interfaccia IO-Link permette all’utente di automatizzare la configurazione dei sensori. L’omologazione ATEX consente di utilizzare le barriere...

  • ‘Build your future’ a scuola con Adecco e Siemens

    Il progetto di Alternanza Scuola Lavoro ‘Build your Future’, frutto della collaborazione tra Siemens e Adecco, porterà in più di 30 scuole italiane percorsi di orientamento e formazione volti allo sviluppo di competenze tecniche e di soft...

  • Automation Fair 2017: la Cyber Security

    In occasione di Automation Fair 2017 abbiamo intervistato Sherman Joshua, Connected Services Portfolio Manager di Rockwell Automation, sul tema della cyber security.  Parlando infatti di Connected Enterprise, Connected Production, Connected Services, non poteva mancare un focus particolare...

  • Festo ha ospitato a Varignana alcune tra le esperienze I4.0 più riuscite

    Le esperienze tecnologiche, i casi applicativi e le prospettive in termini di nuovi business model che già si affacciano all’orizzonte con una portata decisamente rivoluzionaria. Il mondo dell’industria italiana, dai produttori di tecnologia agli OEM agli end...

  • ABB e HPE portano l’intelligenza all’interno degli impianti industriali

      ABB e Hewlett Packard Enterprise hanno siglato una partnership strategica globale per combinare le soluzioni digitali ABB Ability con le innovative soluzioni di hybrid IT di HPE. La partnership metterà a disposizione dei clienti soluzioni in...

  • Da qui al 2030: i 4 trend futuri secondo Roland Berger

    Fondata nel 1967 in Germania, Roland Berger conta oggi 50 uffici in 34 Paesi con più di 2.400 consulenti e circa 220 partner. Sono più di 1.000 i clienti internazionali presenti in tutti i principali mercati. Il...

  • Abb svela l’ultimo nato della famiglia YuMi

    Abb ha presentato in anteprima alla International Robotics Exhibition (iRex) 2017 di Tokio il nuovissimo robot collaborativo a un braccio. Come il predecessore YuMi, introdotto nel 2015 per l’assemblaggio e manipolazione di piccoli pezzi, il nuovo robot ha...

Scopri le novità scelte per te x