ABB e The Economist lanciano l’Automation Readiness Index

Secondo il rapporto "The Automation Readiness Index (ARI): chi è pronto per l'ondata di innovazione?" anche i Paesi meglio preparati devono elaborare politiche educative e programmi di formazione più efficaci

Pubblicato il 26 aprile 2018

Secondo un indice e un rapporto pubblicato oggi da ABB insieme a The Economist Intelligence Unit, Corea del Sud, Germania e Singapore sono le nazioni che si sono classificate ai primi posti a livello mondiale nella preparare le loro economie a integrare l’automazione intelligente.
Il rapporto “The Automation Readiness Index (ARI): chi è pronto per l’ondata di innovazione?” ritiene che anche i Paesi meglio preparati debbano elaborare politiche educative e programmi di formazione ancora più efficaci, nonché porre una nuova enfasi sull’apprendimento continuo nel corso della carriera lavorativa delle persone.
Tali politiche e programmi, raccomanda il rapporto, devono garantire che la rapida adozione delle tecnologie di automazione e dell’intelligenza artificiale (AI) non lascerà le persone impreparate per i nuovi lavori, più orientati all’uomo, che saranno necessari man mano che robot e algoritmi assumeranno maggiormente nelle attività di routine che possono essere e saranno automatizzate.

“Il rapporto mostra il modello di successo del futuro e dobbiamo trarre vantaggio da queste raccomandazioni” afferma Ulrich Spiesshofer, CEO di ABB. “Il ritmo dell’innovazione e del cambiamento del mondo del lavoro oggi è così veloce che tutti devono avere accesso all’apprendimento permanente: aumentare il potenziale umano insieme alla tecnologia in modo responsabile e fornendo un istruzione e una formazione continua, è un’opportunità per promuovere prosperità e crescita”.
Il rapporto, che ha esaminato e classificato 25 Paesi sul loro grado di preparazione nei confronti dell’automazione, ha rilevato che molte nazioni in tutto il mondo hanno appena iniziato a cogliere le opportunità e le sfide poste dall’IA e dall’automazione basata sulla robotica. Ha rilevato che “è necessario un maggiore coinvolgimento tra governi, industrie, specialisti dell’educazione e altri stakeholder affinché il processo decisionale possa tenere il passo con l’innovazione nell’automazione”.Il rapporto sottolinea che, a prescindere se i responsabili politici siano o non siano pronti, le aziende stanno rapidamente integrando l’intelligenza artificiale e la robotica avanzata nelle loro attività. Dato che nei prossimi anni questa integrazione accelererà, il suo impatto sulle economie e sulla forza lavoro, oltre alla necessità di un approccio più concertato sull’istruzione e sulla formazione, diventerà più evidente e più urgente.

Oltre a Corea del Sud, Germania e Singapore, i Paesi che meglio si adattano a questa ondata di cambiamento sono gli altri membri dell’ARI presi in considerazione da rapporto: Giappone, Canada, Estonia, Francia, Regno Unito, Stati Uniti e Australia.
L’analisi del rapporto si basa su un nuovo e originale indice, realizzato da The Economist Intelligence Unit, nonché su una serie di interviste approfondite con esperti in materia di tutto il mondo. Le classifiche sono state determinate sulla base di un totale di 52 indicatori qualitativi e quantitativi selezionati tramite una consultazione con esperti in automazione, istruzione ed economia.

Attraverso il suo robot collaborativo YuMi e il portafoglio cross-industry di soluzioni digitali ABB Ability per il monitoraggio e il controllo dei sistemi di automazione, ABB sta aiutando i produttori a plasmare le fabbriche del futuro, dove le persone rimangono una parte vitale delle attività lavorando fianco a fianco con i robot.
Questo nuovo paradigma della collaborazione uomo-robot ha il potenziale per permettere alle persone di concentrare il proprio tempo e le proprie energie su un lavoro di valore superiore che richiede abilità umane e talento, lasciando ai robot compiti altamente ripetitivi, impegnativi o pericolosi. È probabile che tale attività umana includa la progettazione dei processi e delle operazioni che i robot devono eseguire, nonché il monitoraggio e la supervisione del lavoro automatizzato eseguito dalle macchine. Idealmente, una transizione positiva verso un’economia manifatturiera basata sull’automazione intelligente offrirà ai talenti umani l’opportunità di raggiungere livelli più elevati di produttività e, in definitiva, metterà a disposizione posti di lavoro più gratificanti.

Ma per raggiungere questo futuro migliore, il rapporto osserva che la maggior parte dei Paesi dovrà elevare i propri programmi di formazione professionale. I curricula in ambito scientifico, tecnologico, ingegneristico e matematico (STEM) rimangono importanti, rileva il rapporto. ma l’automazione e l’intelligenza artificiale richiedono maggiormente programmi di istruzione di base e nuovi tipi di formazione per i docenti.
ABB e The Economist Intelligence Unit hanno in programma di condurre la ricerca ARI con cadenza annuale e di rivedere le classifiche ogni anno. Ciò consentirà all’indice di realizzare il suo scopo come strumento per aiutare i governi a identificare e perseguire continuamente politiche che supportino la partecipazione di successo a un’economia globale altamente e intensivamente automatizzata e digitalizzata. Da parte sua, ABB si sta preparando per il futuro creando ambienti di “lavoro digitale”, formando i dipendenti per utilizzare strumenti digitali e di automazione. ABB supporta inoltre l’innovazione nei suoi centri di ricerca corporate e tramite collaborazioni con le start-up attraverso l’unità di venture capital di ABB Technology Ventures (ATV).Nella politica globale e nelle arene educative, ABB rimane impegnata a continuare il suo lavoro insieme a organismi commerciali, organizzazioni multilaterali e istituzioni accademiche. Il Gruppo è inoltre pronto a tenere aggiornati i responsabili politici per consentire all’automazione intelligente di diventare un beneficio positivo per la società, offrendo livelli più elevati di produttività e creando significative opportunità di lavoro.

Leggi il report – ABB_ARI_Report



Contenuti correlati

  • La trasformazione investe il mondo del lavoro: l’analisi di FondItalia

    Per il Sondaggio FondItalia 2018, realizzato con ExpoTraining e Fiera Milano, innovare e formare le proprie risorse rappresenta l’unica via per le imprese per competere nel mercato del lavoro (57,89% circa), aumentare produttività e fatturato (40,35%) e...

  • Camice e occhiali, provette e reagenti: i bambini scoprono la scienza con ricercamondo

    Dal 21 al 25 maggio 2018 ricercamondo sarà alla Città dei Bambini di Genova, dove oltre 200 alunni delle scuole primarie si trasformeranno per un giorno in giovani scienziati, sperimentando insieme alla propria classe come si lavora...

  • Il futuro dell’automazione è nelle nostre mani

    Dal prototipo di braccio robotico del supermercato online Ocado, che va a prelevare dagli scaffali gli articoli difficilmente raggiungibili, fino agli elettrodomestici come FoldiMate, che ci aiutano nelle faccende domestiche, le tecnologie dell’automazione sono ormai una presenza...

  • EY Digital Academy: Atos fra i partner

    Atos era presente a Milano, a Palazzo Mezzanotte, per la presentazione del progetto EY Digital Academy e la nuova piattaforma di formazione sulle competenze digitali frutto della collaborazione fra EY, ideatore dell’iniziativa, e i partner Atos, Cisco,...

  • Termoregolatori Omron con intelligenza artificiale

    Dopo il lancio della serie E5_D, Omron continua ad ampliare la sua offerta di termoregolatori con l’introduzione della nuova serie NX-TC con intelligenza artificiale (IA). Progettati per applicazioni multicanale, questi regolatori intelligenti garantiscono un’installazione retroquadro più semplice....

  • Sacchi Automation a SPS IPC Drives 2018

    Sacchi Automation sarà presente a SPS IPC Drives Italia (22-24 maggio, presso il Quartiere Fieristico di Parma). Sacchi Automation è un riferimento per ogni buyer di automazione industriale: 12.000 articoli in 24 ore, 50.000 prodotti in pochissimi giorni,...

  • EY Digital Academy: nasce la ‘scuola’ per imprenditori e dirigenza 4.0

    È stata presentata ieri a Milano la piattaforma di formazione continua sulle competenze digitali ‘EY Digital Academy’, nata dalla collaborazione fra Atos, Cisco Systems, Rockwell Automation e SAS. L’obiettivo è mettere a fattor comune le competenze e...

  • IT4Fashion 2018, l’intelligenza artificiale entra nel mondo della moda

    Con oltre 600 partecipanti (300 dei quali esponenti del mondo della moda), 450 imprese rappresentate e 36 sponsor da 12 paesi, l’ottava edizione del Convegno Internazionale “IT4Fashion”, che ha avuto luogo a Firenze, ha confermato l’importanza della...

  • ServiceNow acquisisce Parlo

    Il System of Action Enterprise ServiceNow ha definito l’acquisizione di Parlo, azienda della Silicon Valley che offre una workforce solution basata su intelligenza artificiale e natural language understanding (NLU). La transazione sarà in contanti ed è prevista entro...

  • Juniper Networks si allea a Poste Italiane per formare una nuova generazione di esperti di sicurezza informatica

    Gli esperti di sicurezza del team italiano di Juniper Networks, tra i leader nelle reti sicure, scalabili e automatizzate, formeranno gli studenti universitari sulle più recenti tecnologie e soluzioni di sicurezza delle reti nell’ambito del Corso sulla...

Scopri le novità scelte per te x